Le 10 regole di Facebook

LE REGOLE di FB…

Beh, mi pare inutile andare avanti con l’esperimento. Ho capito finalmente come funziona FB e quali siano le sue regole non scritte.

1) le pagine di FB sono una vetrina del mondo che vorremmo e di come vorremmo essere, non una rappresentazione di noi (questa era una banalità ma non lo avevo capito fino in fondo)

like di facebook

2) le pagine di FB non permettono critiche o osservazioni al nostro modo di essere (anche questa era una banalità che avrei dovuto capire subito. Invece ho impiegato un bel po’ di tempo per arrivarci)

farsi sentire in facebook3) Le pagine di FB non sono pensate per suscitare discussioni in cui poter rivedere le nostre convinzioni, ma solo per mostrare le nostre convinzioni stesse (questa era meno banale, ma ho dovuto arrendermi all’evidenza: in tutte le discussioni che ho intrapreso su FB io ho cambiato idea. Gli altri no.)

4) le pagine di FB raccontano sogni e desideri, non la nostra realtà (vabbè, questa era di una banalità assoluta, ci sarei dovuto arrivare immediatamente)

5) sulle pagine di FB non vanno bene pensieri profondi, angosciosi, tristi, malinconici o apprensivi. Abbiamo tutti le nostre tristezze e angosce, per cui non ci piace che qualcun altro le mostri per noi (questa è di una banalità media, ma sottile)

6) Nessuno ha voglia di farsi dire che scrive male. Nessuno ha voglia di essere “corretto”. Se dici loro che qual è si scrive senza apostrofo loro si incazzano, si stupiscono della tua leziosità e alla fine, se insisti, ti mandano a cagare. Ah, ovviamente continueranno a scrivere qual’è con l’apostrofo. Che poi ognuno è giusto faccia quello che gli pare.

7) Sulle pagine FB è tassativamente vietato parlare di misticismo. FB è virtualmente lo spazio assoluto della realtà. Su FB si parla di forza d’animo, di credere in se stessi, di amore come soluzione di tutti i mali. Non si dice mai che siamo esseri fragili e bisognosi di al di là. misticismo con il buddaQuesta è una sconcezza assolutamente incomprensibile. Quando ho proposto questi temi sulla mia pagina ho ricevuto qualche “timido” mi piace e nessun commento. Mai. Qualcuno, in privato, mi ha detto:
“ma che sei pazzo a parlare di queste cose?”
Ok, va bene, non ne parlo più. Sto zitto.

8) Le pagine di FB non servono per accogliere le esperienze degli altri. Anche lasciandole aperte e libere alla condivisione nessuno si “azzarda” a “invadere” la tua pagina con le sue esperienze. Ogni intromissione nelle pagine degli altri è vista come un’invasione in uno spazio vitale e nessuno così più concepisce il piacere di poter condividere qualcosa sulle pagine di un “amico”.

9) le pagine di FB servono a mostrarsi (questo lo abbiamo già detto). E il piacere più grande quindi è ricevere i “mi piace” (magari con qualche disegnino emozionale in più). Se poi qualcuno “condivide” sulla propria pagina qualcosa che hai postato tu allora è il trionfo!

10) le pagine di FB alcuni le usano bene: mostrano la loro filosofia di vita, sono leggere o acute. Molte sono pregne di musica, di poesia e di bellezza. Ci sono pagine FB molto rispettose del mondo, delle persone e delle cose.

Ci sono pagine di FB di persone sensibili che desiderano l’armonia e la pace. In quelle pagine non ci sono mai o quasi mai illazioni o provocazioni. Al limite mostrano indignazione, mai superbia o violenza verbale. E forse FB andrebbe usato proprio così: con grazia. È da queste persone e da queste pagine (rare) che ho imparato molto.

Da oggi proverò ad usare anche io FB così.

PS: ho detto ci provo! non è affatto detto che ci riesca…

ah, un’ultima cosa: da oggi condividerò nella mia pagina le cose più belle che troverò nelle vostre. paginisti di FB avvisati ….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *