Ovvietà

rosso su fondo blu

Oro

Eravamo sulla spiaggia,

chiacchieravamo da buoni amici,

ma ad un tratto mi fermai

indicando col braccio teso

una chiazza di luce sul mare:

Guarda! – dissi.

Anch’egli si fermò:

E’ bello! -rispose…

Ma in quella

piena comune estasi

passarono altre due pari bellezze:

entrambe brune, con gli occhiali scuri

tra i riccioli

e rimanemmo senza fiato

io col braccio alzato -sospeso –

ai loro occhi che guardavano altrove.


La poesia Ovvietà, ovviamente mia, è estratta da La bellezza macchiata del rosso, libro di poesie illustrato con le splendide immagini di Roberta Franz.
L’immagine “Oro” è, per l’appunto, di Roberta, così come quella del post, “Il volo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *